INCONCRETO » Archivio Articoli » Articolo

Accredia riconosce EPDItaly come schema di riferimento per la convalida delle EPD

ICMQ

Il Program Operator EPDItaly è stato riconosciuto dall’ente unico di accreditamento nazionale Accredia, secondo lo standard UNI CEI EN ISO/IEC 17065 Conformity assessment - Requirements for bodies certifying products, processes and services. Questo significa che gli organismi di certificazione che chiedono di essere accreditati per effettuare la convalida delle Dichiarazioni ambientali di prodotto in conformità alla norma UNI EN ISO 14025 Etichette e dichiarazioni ambientali - Dichiarazioni ambientali di Tipo III - Principi e procedure possono farlo secondo lo schema italiano EPDItaly e non più soltanto secondo schemi di altri Program Operator stranieri come è avvenuto sinora.

EPDItaly è il Program Operator che definisce le modalità di gestione delle attività che portano alla pubblicazione di una Dichiarazione Ambientale di Prodotto EPD: definizione delle regole, convalida della Dichiarazione da parte di un Organismo di valutazione della conformità accreditato ed infine pubblicazione del documento validato. D’ora in poi tutti gli Organismi di valutazione della conformità potranno accreditarsi e accedere a EPDItaly.

E’ un passaggio importante per l’Italia, in quanto:
1. è finalmente disponibile, per il Paese, un Program Operator per le EPD a servizio del mercato;
2. l’adozione di regole comuni e sotto accreditamento garantisce la correttezza e l’uniformità delle valutazioni eseguite.

Quest’ultimo aspetto è molto sentito e richiesto dalle Stazioni Appaltanti che, dovendo fare riferimento al codice appalti per i bandi di gara, devono far rispettare i requisiti di cui al DM 11/01/2017 (CAM) per l’affidamento di servizi di progettazione e lavori per la nuova costruzione, ristrutturazione e manutenzione di edifici e per la gestione dei cantieri della pubblica amministrazione.

Ricordiamo, infatti, che il citato decreto sui Criteri Ambientali Minimi promuove prodotti e materiali sostenibili che abbiano un determinato contenuto di riciclato oppure soddisfino uno specifico criterio ambientale e che questi requisiti possono essere dimostrati tramite una dichiarazione ambientale di Tipo III, conforme alla norma UNI EN 15804 e alla norma UNI EN ISO 14025.

EPDItaly rappresenta, pertanto, un punto di riferimento sia per garantire alle Stazioni Appaltanti una gestione delle regole uniforme e sotto accreditamento, ma anche per il produttore italiano che vuole rispettare i requisiti di cui sopra. Tutte le verifiche di conformità devono essere, infatti, condotte da Organismi di valutazione della conformità che, per quanto attiene la certificazione della EPD, sono solo quelli accreditati a fronte delle norme della serie UNI CEI EN ISO/IEC 17065.
E’ un percorso di uniformità delle regole che è nato in Europa, dove l’Associazione Eco Platform, della quale EPDItaly è socio fondatore, ha riconosciuto il Programma italiano come Established Program Operator. Eco Platform raccoglie i Program Operator dei vari Paesi europei promuovendo il mutuo riconoscimento delle EPD rilasciate dai Program Operator (www.eco-platform.org) sulla base della norma EN 15804.

Nel settore delle costruzioni quindi EPDItaly rilascia anche il marchio ECO EPD per un riconoscimento internazionale delle Dichiarazioni Ambientali di Prodotto. Il marchio, applicato alla Dichiarazione Ambientale di Prodotto, evidenzia la sua conformità ai requisiti della norma EN 15804.

EPDItaly è l’unico Program Operator italiano e ha già sottoscritto accordi di mutuo riconoscimento (e altri sono in via di perfezionamento) con altri Program Operator europei e americani per permettere ai produttori di EPDItaly di ottenere facilmente EPD rilasciate da altri Program Operator internazionali, di fatto annullando le barriere in ingresso tra i vari Paesi. Tale contributo, che EPDItaly può dare in Italia e nel più ampio contesto internazionale alla crescita dei parametri ambientali e qualitativi delle singole imprese e delle intere filiere produttive, rappresenta un valore aggiunto a supporto del sistema produttivo italiano. 

    

Articolo letto: 836 volte